fbpx
Dai, leggiamo!

Posts Taggati ‘memoria’

L’ultimo gladiatore di Pompei

79 D.C.: L’ERUZIONE DEL VESUVIO
Seguendo con il fiato sospeso le avventure di due ragazzini, Tito e Lucilla, entriamo nella vita quotidiana dell’antica Pompei: dentro le case, a scuola, per strada, nelle botteghe. Scopriamo cosa accadde per davvero in quei terribili giorni in cui il Vesuvio allungò la sua lingua di fuoco sulla città. Conosciamo i sentimenti, le gioie, i sogni, la paura e l’orrore che gli abitanti hanno vissuto circa duemila anni fa. 
Un racconto in cui la Storia, quella vera, si mescola alle emozioni forti, fino a sembrare di essere anche noi lì, insieme ai pompeiani, per fuggire via da un improvviso inferno incandescente.

PER PARLARE DI

Avventura
Amicizia
Memoria Storica

CLASSI DI RIFERIMENTO

Classi 4°-5° Scuola Primaria. Progetto didattico – L’ULTIMO GLADIATORE DI POMPEI – PRIMARIA
1 Scuola Secondaria di I grado. Progetto didattico – L’ULTIMO GLADIATORE DI POMPEI – SECONDARIA

 

Ricordare Mauthausen

Mariangela ha appena terminato con successo il primo anno del liceo, ha una famiglia benestante, frequenta una compagnia esclusiva, ha un’amica del cuore cui è molto legata. Non confida però a nessuno i suoi pensieri più intimi, tra i quali l’ossessione per il passato della sua famiglia di radici ebraiche.

Improvvisamente, tutto il suo mondo crolla: la fabbrica del padre fallisce e la sua famiglia, ridotta in povertà, deve trasferirsi presso i parenti che vivono in campagna. La presenza del nonno, reduce del campo di concentramento di Mauthausen, la spinge alla ricerca delle radici della sua famiglia ebraica. 

PER PARLARE DI:

  • Memoria storica
  • Shoah
  • Campi di concentramento
  • Guerra

CLASSE DI RIFERIMENTO:

Scuola secondaria di primo grado.

COME LAVORARE SUL TESTO:

Partendo dalla lettura del romanzo, riflettere sull’importanza della memoria storica per poter comprendere il presente. Quali sono le facce della sopraffazione ai giorni nostri? Se si subisce, quali sono le conseguenze? È possibile reagire? In quali modi? A chi si può chiedere aiuto? Quali opportunità offre una risposta attiva?

 

La casa che guarda il cielo

Anna Frank, la ragazzina perseguitata dai nazisti perchè ebrea, che ha commosso intere generazioni con il suo Diario, divenendo simbolo della Shoah. In questo racconto si è scelto un taglio narrativo originale: è la casa di Amsterdam, in cui Anna e i suoi familiari trovarono rifugio, con le sue umide e scalcinate pareti, la narratrice partecipe della loro forzata prigionia.

PER PARLARE DI:

  • Memoria storica
  • Shoah
  • Campi di concentramento
  • Guerra

CLASSE DI RIFERIMENTO:

Bambini di classe 5°.

COME LAVORARE SUL TESTO:

Negli approfondimenti, la vita di Anna Frank, il nazismo e i campi di concentramento e spunti di lavoro interattivi per la LIM.

Per saperne di più sulla nascita del libro, clicca qui.
Leggi la recensione sul blog Mammecheleggono.it!

 

È stato il silenzio

Una storia per riflettere su di un momento fra i più dolorosi della storia umana: la deportazione degli ebrei nei campi di concentramento durante la Seconda Guerra Mondiale.

PER PARLARE DI:

  • Memoria storica
  • Shoah
  • Campi di concentramento
  • Guerra

CLASSE DI RIFERIMENTO:

Bambini di classe 5°.

COME LAVORARE SUL TESTO:

Una storia per far conoscere ai più piccoli uno dei momenti più tragici della Storia, con il tono adatto alla fascia d’età. Nel progetto didattico proposte operative, percorsi di lettura, documentari e filmografia per contestualizzare i fatti storici e capire il valore della Giornata della memoria.

Contattateci

Hai delle domande? Vuoi inviarci dei suggerimenti o un tuo progetto?
Inviaci un'e-mail o un messaggio sui nostri account social.

Visita i nostri siti

Raffaello Ragazzi Il Mulino a Vento