Dai, leggiamo!

Posts Taggati ‘giochi’

Telefonino, non friggermi la zucca!

Mentre dieci scienziati di livello mondiale conducono grossi esperimenti per attestare la pericolosità e i danni alla salute causati da un uso esagerato dei telefonini, i genitori del piccolo Ernesto, ignari del pericolo, gli regalano… proprio un telefonino nuovo di ultima generazione! E lui, felicissimo, lo usa talmente tanto che le orecchie gli vibrano, gli diventano rosse, enormi, simili a due parabole… e un soffio di vento lo porta via dalla finestra. Atterra in un paese stranissimo, popolato solo da bambini con le orecchie giganti che, come lui, hanno fatto troppo uso del telefonino. Lo attendono emozioni, avventure e incontri di tutti i tipi.

PER PARLARE DI:

  • Nuove tecnologie
  • Gioco
  • Amicizia

CLASSI DI RIFERIMENTO:
Bambini di classe 3° – 4° – 5°.

 

Avventurose Scienze

Il progetto parte dalla narrazione di storie appassionanti e avventurose, pensate e sviluppate da scrittori esperti dei temi affrontati, e collocate, secondo la loro specificità, nell’ambito di uno dei quattro elementi: Terra, Aria, Acqua e Fuoco che, secondo un’antichissima concezione, stanno alla base del mondo conoscibile.

Conclude ogni volume una sezione di esperimenti scientifici corredata da foto e da immagini che illustrano l’attività. Gli esperimenti sono sempre realizzabili con materiali innocui che si possono reperire facilmente.

Inseriti fra i capitoli della narrazione, gli approfondimenti, semplici e chiari, sono corredati da foto e da disegni esplicativi e permettono al piccolo lettore di scoprire i fondamenti scientifici della storia.

Clicca sul titolo per scoprire le meraviglie dietro ogni titolo:

Il giornalino di Gian Burrasca

Giovannino Stoppani o, come tutti lo chiamano, Gian Burrasca, è il protagonista di una serie di avventure esilaranti e divertentissime, narrate sotto forma di diario. Dietro le monellerie di Giannino c’è però un bambino fantasioso, ricco di  gioia di vivere, di spontaneità e di coraggio, che cresce in un mondo di adulti ipocriti e in una società rigida, gretta e lontana dai bisogni dell’infanzia.

PER PARLARE DI:

“Il giornalino di Gian Burrasca” è ambientato nella Toscana dei primi anni del Novecento e ci offre uno spaccato puntuale, vivo e brillante della società di quel tempo. Attraverso le marachelle di Giannino ci vengono mostrati con umorismo e raffinata ironia l’ipocrisia e la falsità del mondo degli adulti, in contrapposizione alla spontaneità, immediatezza e bisogno di verità del mondo dei bambini.
Il tema dell’amicizia è presente in modo importante nella seconda parte del libro, dove appartenenza al gruppo, solidarietà e disponibilità verso il prossimo emergono dalla voce diretta del protagonista.

CLASSE DI RIFERIMENTO:

Bambini di classe 4° e 5°.

Contattateci

Hai delle domande? Vuoi inviarci dei suggerimenti o un tuo progetto?
Inviaci un'e-mail o un messaggio sui nostri account social.

Visita i nostri siti

Raffaello Ragazzi Il Mulino a Vento