Dai, leggiamo!

Michela Albertini racconta “Nina e la capanna del cuore”

Il coraggio che c’è in noi

La storia di Nina è una storia a me particolarmente cara, non solo perché è il primo libro che ho scritto e pubblicato, ma soprattutto perché – per scriverlo – mi sono ispirata ad una bambina che ho conosciuto realmente. La ricordo bene ancora oggi, a distanza di tanti anni: arrivava da un Paese lontano, era gentile e piuttosto introversa. I suoi timidi sorrisi, che cercava di nascondere chinando la testa, sapevano di malinconia. Pur conoscendo la lingua italiana, non parlava molto: preferiva ascoltare. Di lei, improvvisamente, non ho saputo più nulla: da un giorno all’altro era andata via, senza fare rumore, come era arrivata. Ha lasciato dentro di me un silenzio inaspettato che ho colmato creando la “mia Nina”. Ho la speranza, un giorno, di incontrarla di nuovo, così, semplicemente, mentre magari mi dice: “Lo sai che ho letto Nina e la capanna del cuore?”.

Michela Albertini

Michela Albertini vive a Milano, è laureata in pedagogia e lavora come insegnante di scuola primaria. Ama le cose semplici, come leggere, chiacchierare con le amiche e passeggiare in un bosco. Tra una passeggiata e l’altra… scrive storie per ragazzi. 

20-best

Contattateci

Hai delle domande? Vuoi inviarci dei suggerimenti o un tuo progetto?
Inviaci un'e-mail o un messaggio sui nostri account social.

Visita i nostri siti

Raffaello Ragazzi Il Mulino a Vento