fbpx

Il sole innamorato

Referente: Martina Angelini

Scuola: I.C. Piazzale della gioventù Santa Marinella – roma
Classe: Sezione eterogenea

Descrizione:

Febbraio per noi è il mese dell’amore, un mese importante per trasmettere i valori dell’accoglienza, dell’amicizia e dell’affetto universale… ecco come nasce questa storia. Da un’idea dell’insegnante Silvia Santarelli, inventata con i bambini della sezione C della Scuola dell’infanzia Centro Urbano  presso l’Istituto Piazzale della Gioventù di Santa Marinella. Illustrata, colorata e raccontata dai bambini stessi con l’aiuto delle insegnanti Daria Annibali e Martina Angelini.

 

A partire dalle attività didattiche quotidiane sulla ciclicità del tempo e sulle osservazioni del cielo è nata una riflessione condivisa su l’alternanza del giorno e della notte, sul sole e la luna e sul loro poetico e meraviglioso rincorrersi senza incontrarsi mai. In un tempo di isolamento sociale, di lontananza dai propri cari e di abbracci off limits per molti, questo racconto assume un valore ancora più importante. Quest’anno più che mai ci sembra importante educare all’ affettività anche stando lontani.

A volerci bene e a dedicarci reciprocamente tempo e amore anche a distanza e nonostante tutto.

Ho visto un giorno il signor sole, bello, giallo e pacioccone, che nel tiepido bel cielo di una chiara mattinata, se ne stava a sonnecchiare sopra una nuvoletta… anche lei bella paciocca.
Ecco che sul più bel del pisolino sente il sole canticchiare un grazioso bel vocino. Sol Leone incuriosito quanto mai affascinato si alza su tutto d'un fiato e grida:
"chi sei? che canti nel cielo?" Cerca, sbuffa, smania, cerca, poi sbadiglia finché… oh meraviglia!
Una splendida creatura, bianca, curva, liscia liscia e levigata, se ne stava a canticchiare solsoletta e un po' annoiata.
Il sole si innamora perdutamente di quel tenero, spicchio bianco, illuminato, perciò le corre incontro tutto affannato.
Tanto più si avvicina, tanto più la luna arrossisce finché poi grida tutta sudata: "Vada via per cortesia… non lo vede, le sue fiamme mi brucian tutte le mutande? Vada via faccia presto, o mi brucia pure il resto!"
Il signor sole se ne stava tutto triste e solo per il cielo quando incontra un angelo vero, che gli dice dolcemente: " tu sei triste inutilmente, perché lo stesso signora luna amare potrai, se solo un po' lontano da lei te ne starai"
Così fa il nostro amico sole. Di tanto in tanto, anche adesso per esempio, lui prende un bacio, lo mette in un pacchetto, lo accartoccia stretto stretto, ci fa il nodo e poi il fiocchetto.
Lo spedisce alla sua bella dall'altra parte della terra.

Votazioni chiuse!

Copyright © Raffaello Libri S.p.A. | P. IVA 01479570424 | Dati Societari | Privacy Policy | Cookie Policy