fbpx

“curiAMO il nostro pianeta”

Referente: ANTONELLA QUINTIERI

Scuola: IC FAGNANO CASTELLO-MONGRASSANO – cosenza
Classe: Sezione eterogenea

Descrizione:

Il racconto riportato, di per sé autosufficiente, rappresenta in realtà il primo episodio delle avventure di Simona, una vecchia tartaruga di terra che farà da sfondo integratore alla programmazione curriculare ed extracurriculare di quest’anno scolastico, incentrata su alcuni obiettivi dell’Agenda 2030. In questa prima tappa del suo viaggio, che si lega all’Uda di inizio anno dal titolo “In fondo al mar” (goals 14 e 7 dell’Agenda) si racconta l’incipit del viaggio che la tartaruga, nata e cresciuta nel suo orto, decide di intraprendere un po’ per fame (perché il suo ambiente è stato devastato dagli effetti dei cambiamenti climatici) un po’ per curiosità (perché spera di incontrare qualcuno che possa spiegarle cosa è successo). Il suo viaggio stimola e rispecchia il viaggio di scoperta e conoscenza che coinvolgerà i nostri bambini durante questo anno scolastico.

Il primo luogo dove  approda è il mare, che Simona, non avendolo mai visto, scambia per una grossa pozzanghera. Sabrina una tartaruga marina, le spiegherà l’equivoco e le  descriverà la bellezza del mondo in cui vive, ma anche la sua vulnerabilità. A Simona, estasiata dalle descrizioni di Sabrina ma anche dispiaciuta perché anche l’ambiente marino è minacciato, non resta che andare a cercare aiuto. Il racconto ha volutamente un finale aperto perché vuole stimolare i bambini a partecipare in prima persona, entrando nel racconto e cercando una soluzione. L’ultima pagina è, infatti, un collage delle loro foto, scattate durante il compito autentico (la pesca dei rifiuti) che i bambini hanno svolto con entusiasmo ed emozione. Il racconto ha, quindi, introdotto e concluso l’Uda che è stata arricchita da: conversazioni in circle time sul mare e sui comportamenti utili da tenere in spiaggia, balli, video e canzoni animate sulla biodiversità e sull’inquinamento marino, attività grafiche-laboratoriali, come la creazione di un fondale marino. Completata l’Uda Simona, che salutata la tartaruga Sabrina riprenderà il suo viaggio, inizierà ad avere un forte sonno: il suo racconto riprenderà quindi introducendo l’autunno e così via…

C'ERA UNA VOLTA SIMONA, UNA VECCHIA TARTARUGA DI TERRA NATA E CRESCIUTA DENTRO UN ORTO. MANGIANDO I PRODOTTI DELL'ORTO, DI ANNO IN ANNO LA SUA CORAZZA ERA DIVENTATA SEMPRE PIU' GRANDE.
QUELL'ANNO PERO', A CAUSA DI FORTI PIOGGE PRIMA E DI UN SOLE TROPPO CALDO POI, TUTTO NELL'ORTO SI ERA SECCATO. UN PO' PER FAME, UN PO' PER LA VOGLIA DI SCOPRIRE COSA FOSSE SUCCESSO, SIMONA DECISE DI OLTREPASSARE I CESPUGLI CHE DELIMITAVANO L'ORTO
INIZIO' A CAMMINARE TANTO;E CAMMINA CAMMINA ARRIVO' SU UN TERRENO STRANO, FATTO DI PICCOLE PIETRUZZE. SIMONA GUARDANDO AVANTI VIDE UNA GROSSA POZZANGHERA, MOLTO PIU' GRANDE DI QUELLE CHE SI FORMAVANO NELL'ORTO DOPO LA PIOGGIA
ASSETATA DECISE DI AVVICINARSI PER BERE, MA APPENA ASSAGGIO' QUELL'ACQUA DISSE: "E' AMARISSIMA, SARA' PIU' PULITA E PIU' GRANDE DELLE POZZANGHERE MA QUEST'ACQUA NON E' BUONA PER UNA TARTARUGA"
"PARLA PER TE-DISSE UNA VOCINA-IO IN QUESTO MARE, CHE TU HAI SCAMBIATO PER UNA POZZANGHERA, CI VIVO BENISSIMO E ALTRI INSIEME A ME"
SIMONA FU MOLTO STUPITA QUANDO CAPI' CHE QUELLA VOCINA VENIVA DA QUELLA DISTESA DI ACQUA BRILLANTE.LE DUE TARTARUGHE SI PRESENTARONO. SIMONA LE RACCONTO' CHI ERA E DA DOVE VENIVA
SABRINA LE RACCONTO' TUTTE LE MERAVIGLIOSE CREATURE CHE VIVONO IN FONDO AL MARE
SIMONA RESTO' ESTASIATA DALLE DESCRIZIONI DI SABRINA, TANTO CHE LE DISSE "BEATA TE! ANCH'IO VORREI VIVERE IN QUESTO PARADISO" MA SABRINA SI RATTRISTO', RACCONTANDOLE CHE ANCHE IN MARE DA UN PO' DI TEMPO LE COSE ERANO CAMBIATE.ALCUNE SUE AMICHE TARTARUGHE ED ALTRI ANIMALI ERANO RIMASTE FERITE DALLA PLASTICA DI CUI ORMAI E' PIENO
LA TARTARUGA SIMONA, RATTRISTATA, DECISE DI AIUTARE LA SUA NUOVA AMICA E ANDO' A CERCARE QUALCUNO CHE POTESSE SALVARE IL MARE. E I SUOI ABITANTI
FORTUNATAMENTE UN GRUPPO DI BAMBINI, AMICI DI SIMONA E DEL NOSTRO PIANETA, SI OFFRE DI PULIRE IL MARE E DI SORVEGLIARE AFFINCHE' NON VENGA DI NUOVO SPORCATO. LE DUE TARTARUGHE FELICI SI SALUTANO. SABRINA RESTA NEL SUO MARE, TORNATO LIMPIDO, SIMONA RIPRENDE IL SUO VIAGGIO PRONTA PER NUOVE AVVENTURE...

Clicca sul cuore per votare questo progetto:

2 votes, media: 1,00 su 1 (2 voti)
Devi essere registrato per poter votare!
Loading...

Cataloghi

Il Mulino a Vento

Per la Scuola Primaria

Il Mulino a Vento

Per la Scuola Secondaria

Raffaello Ragazzi

Per crescere insieme

Raffaello Scuola

Scuola dell'Infanzia

Copyright © Raffaello Libri S.p.A. | P. IVA 01479570424 | Dati Societari | Privacy Policy | Cookie Policy