fbpx

C’è un mostro nella mia storia!

Vi siete mai chiesti che fine fanno i capelli quando cadono da una testa?
È l’interrogativo che la piccola Matilde rivolge all’amato papà, mentre rimira la sua zucca pelata, lucida come una biglia, “deserta come una piazza senza monumenti”. È così che Matilde scopre la terribile storia del Mostro Mangiacapelli! Chi è quella creatura diabolica che si intrufola nelle case addormentate per fare scorpacciate di barbe e capelli? Come si potrà far fronte al grande pericolo di cui ormai parlano tutti? Viene chiamato un vero cacciatore di draghi dalla Normandia e gli viene affidato il compito di catturare il Mostro e liberare il paesino dalla terribile minaccia! È stato creato un allarmismo esagerato?

PER PARLARE DI:

• Tendenza alla facile demonizzazione dell’altro.
• Diversità come pregio.
• Importanza di sane letture.

CLASSE DI RIFERIMENTO:

Bambini di classe 2° e 3°.

COME LAVORARE SUL TESTO:

Il libro ci porta a riflettere, con grande abilità narrativa, su diverse tematiche importanti per la crescita di ogni bambino: la paura del diverso, del nuovo, la tendenza a identificare il diverso con il “mostro”.
La lettura del testo e la successiva discussione ci permette di:
• incoraggiare comportamenti di apertura, di comunicazione e di solidarietà;
• superare i pregiudizi nei confronti della diversità;
• percepire la diversità come arricchimento.

 

 

paura del nuovo, pregiudizi, valore della diversità

Contattateci

Hai delle domande? Vuoi inviarci dei suggerimenti o un tuo progetto?
Inviaci un'e-mail o un messaggio sui nostri account social.

Copyright © Raffaello Libri S.p.A. | P. IVA 01479570424 | Dati Societari | Privacy Policy | Cookie Policy

Condividi questa pagina!